Verbale della giuria tecnica – Racconti – Sezione C/D

  IV Premio Letterario “La pelle non dimentica” Organizzato da Le Mezzelane Casa Editrice con la collaborazione dell’Ass. Culturale Euterpe Sezioni di riferimento: Racconti – Sezioni C/D Graduatoria di merito 1 – Elena Fanti 2 – Maria Colagrossi 3 – Gioia Casale 4 – Anna Sambo 5 – Francesca Compagno 6 – Daniela Tani

Verbale della giuria popolare – Poesia – Sezioni A/B

IV Premio Letterario “La pelle non dimentica” Organizzato da Le Mezzelane Casa Editrice con la collaborazione dell’Ass. Culturale Euterpe Sezioni di riferimento: Poesia – Sezioni A/B Graduatoria di merito 1 – Valeria D’Amico 2 – Rosa Maria Chiarello 3 – Serena Barsottelli 4 – Elmira Rama 5 – Sis Lav 6 – Michele Caputo

Verbale della giuria popolare – Racconti – Sezione C/D

IV Premio Letterario “La pelle non dimentica” Organizzato da Le Mezzelane Casa Editrice con la collaborazione dell’Ass. Culturale Euterpe Sezioni di riferimento: Racconti – Sezioni C/D Graduatoria di merito 1 – Roberta Mezzabarba 2 – Monica Spigariol 3 – Annamaria Marconicchio 4 – Antonietta Cantiello 5 – Elena Fanti 6 – Maria Colagrossi

Verbale di Giuria Tecnica – Sezione F – Silloge edita

IV Premio Letterario “La pelle non dimentica” Organizzato da Le Mezzelane Casa Editrice con la collaborazione dell’Ass. Culturale Euterpe Sezioni di riferimento: Silloge edita – Sezione F Composizione della commissione di giuria: Rita Angelelli – Presidente Maria Grazia Beltrami Lidia Borghi Sagone Graduatoria di merito 1 – Flavia Novelli – Universi Femminili 2 – Ilaria…

Verbale Giuria tecnica – Sezione A – B -Poesia – 2020

IV Premio Letterario “La pelle non dimentica” Organizzato da Le Mezzelane Casa Editrice con la collaborazione dell’Ass. Culturale Euterpe Sezioni di riferimento: poesia singola a tema libero (sezione a) e poesia a tema “la violenza di genere” (sezione b) Composizione della commissione di giuria: Lorenzo Spurio – Presidente Michela Zanarella Valeria Bianchi Mian Valtero Curzi…

Roberta Mezzabarba – Racconto Sez. D

La pace dei vinti[1] Le ossa le dolevano sempre quando rientrava in casa dopo aver accudito le piante del suo piccolo orto. Teneva con entrambe le mani un fagottino a quadri bianchi e rossi pieno di zucchine appena raccolte: le lasciò scivolare sul tavolo della cucina, e si sentì mancare. Si appoggiò al tavolo, e…

Matteo Favaro – Racconto Sez. C

Rivelazioni Milano, giorni nostri. Quando Sara giunse alla fine di quel lungo tunnel fatto di abbagliante luce bianca si ritrovò in quello che sembrava un vastissimo bioparco, sul quale aleggiava un gradevole profumo che sembrava lavanda. L’esplosione di colori colpì subito i suoi occhi: una flora variopinta tappezzava un rigoglioso prato verde che pareva estendersi…

Flavia Maneo – Racconto Sez. C

Fuga dall’isola di Poveglia La storia si mescolava con la nuova epoca che stava per nascere, dopo una guerra devastante. C’erano ombre in bianco e nero, fuggite al male, che bagnavano lo specchio della laguna. Il leone grande con gli occhi e l’anima. Figura misteriosa e antichissima dal valore inestimabile. Grande mito di sempre che…

Placido Di Stefano – Racconto Sez. D

La descrizione di un attimo Continuava a sfogliare la rivista ma non riusciva a concentrarsi sulle parole. Le foto le vedeva sfocate. Era lì perché avrebbe dovuto comunicare una decisione, ma la decisione non l’aveva ancora presa. Era la sua ultima possibilità, poi non ci sarebbe stato più tempo, non sarebbe più stato possibile tornare…

Angela Fedele – Poesia Sez. B

VIOLENZA Viola il livido su quella bocca. Violenta la mano che ti tocca. Vìola il patto d’amore stretto. Vìola il calore che cercavi nel letto. Viola, vent’anni, Enza quaranta. Violenza condanni. Violenza sì tanta. FILI DI LANA ROSSI Fili di lana rossi pelle color the. L’intreccio lega anime antiche sorelle. Non più labirinti e minotauri…

Valentina Confuorto – Poesia Sez. B

Ferro battuto Amarti era avere rotte tutte le ossa in una lucente armatura di ferro. Sono ora nuda e tu non capisci quanto è bello il mio dolore di ruggine nuova. Lontananza la lontananza mi lacera – artiglio che squarcia lo stomaco – né fame né requie né gioia in giornate frenetiche e vacue resta…

Maria Colagrossi – Racconto Sez. D

  Oltre il rimpianto La sveglia suonava sempre troppo presto : alle sei dovevo essere già in piedi, mettere in ordine la casa, ripulirla, fare colazione al “volo” e poi correre a scuola. Per molti la mia routine sembrava noiosa invece a me piaceva : adoravo guardare l’alba, prendermi cura delle mie cose, far sì…